Informazioni personali

La mia foto
"L'Isola dei Demoni" di Ilaria Vecchietti Genere fantasy Self publishing con Amazon "L'Imperatrice della Tredicesima Terra" di Ilaria Vecchietti Genere fantasy Aletti Editore Anche in formato e-book

venerdì 27 ottobre 2017

Segnalazione: La principessa che aveva fame d’amore di Maria Chiara Gritti

Segnalazione:
La principessa che aveva fame d’amore
di
Maria Chiara Gritti


Buongiorno lettori,
eccomi con la segnalazione del romanzo di Maria Chiara Gritti: "La principessa che aveva fame d'amore", edito Sperling & Kupfer.


Biografia:

Maria Chiara Gritti, psicologa e psicoterapeuta a Bergamo, esperta nel trattamento della dipendenza affettiva, da anni conduce gruppi terapeutici sulla love addiction. Ideatrice di un percorso di guarigione innovativo sulla dipendenza amorosa, tiene corsi di formazione rivolti a psicologi per diffondere l’applicazione del suo metodo di intervento. 

http://www.dipendiamo.blog/



Genere: romanzo narrativa, benessere, società, relazioni, psicologia
Editore: Sperling & Kupfer
Data di pubblicazione: 3 ottobre 2017
Numero pagine: 224
Prezzo cartaceo: 15,90€
Prezzo ebook: 9,99€ 
Link per l'acquisto su Amazon: 



Sinossi:

UNA FAVOLA DELIZIOSA
PER TUTTE LE PRINCIPESSE IN CERCA DI SÉ
(E MAGARI DELL’AMORE).
PER NON ACCONTENTARSI MAI PIÙ DELLE BRICIOLE!

Belle, buone, brave e obbedienti: quante donne hanno imparato fin dall’infanzia che questo è l’unico modo per essere amate? Come succede ad Arabella, la protagonista di questa favola: pur essendo capace, intraprendente e piena di talenti, è pronta a sacrificare la sua allegria, la sua curiosità e i suoi stessi bisogni per compiacere i genitori e sentirsi apprezzata. Ma c’è qualcosa che grida dentro lei, un grumo di insoddisfazione che le lacera lo stomaco e la rende irrequieta e vorace: è la sua fame d’amore. Si convince che potrà essere solo un uomo a placarla e va dritta nella Città degli Incontri. Ma come può una ragazza poco nutrita d’affetto riconoscere il sapore del vero amore? È sin troppo facile accontentarsi di qualunque riempitivo. Per fortuna c’è qualcuno pronto a darle una bella svegliata e guidarla a trovare la giusta ricetta. In questa favola, la psicoterapeuta Maria Chiara Gritti affronta con ironia e delicatezza la love addiction, quella strana cecità del cuore che porta a scambiare ogni rospo per un principe, a cui dare tutto in cambio di… niente. Troppe principesse ne soffrono, si aggrappano a rapporti squilibrati nei quali perdono autostima, fiducia e sorriso. Basta, non dobbiamo più accontentarci delle briciole, insegna la favola di Arabella: l’unico modo di nutrire il vero amore è imparare a nutrire noi stesse. E dovrà essere il principe a mostrarsi degno di noi.

L’UNICO MODO DI NUTRIRE IL VERO AMORE È IMPARARE A NUTRIRE NOI STESSE.

Arabella, la protagonista di questa favola: pur essendo capace, intraprendente e piena di talenti, è pronta a sacrificare la sua allegria, la sua curiosità e i suoi stessi bisogni per compiacere i genitori e sentirsi apprezzata. Ma c’è qualcosa che grida dentro lei, un grumo di insoddisfazione che le lacera lo stomaco e la rende irrequieta e vorace: è la sua fame d’amore.
Maria Chiara Gritti affronta con ironia e delicatezza il tema della love addiction, quella dipendenza affettiva che porta a instaurare rapporti squilibrati nei quali si perdono autostima, fiducia e sorriso.



Sembra interessante, voi lo leggerete?


Buona lettura!

Nessun commento:

Posta un commento